Questo sito NON utilizza COOKIE di profilazione. Sono utilizzati cookie tecnici e di terze parti per l'analisi del traffico. Cliccando sul pulsante OK acconsenti al loro trattamento.

OK     Cookie Policy

Hotel L'Ulivo - Mirabella Eclano

La città di Mirabella Eclano

Le origini di Mirabella Eclano

Mirabella Eclano ha origini antichissime; i primi insediamenti umani risalgono al periodo neolitico. Il nucleo urbano di Aeclanum si afferma con i Sanniti e la loro successiva romanizzazione. Nell´89 a.C. la cittá partecipó alla guerra sociale e fu distrutta da Silla. Ricostruita e fortificata dai Romani fu eretta in Municipio e nel II sec. d. C. divenne Colonia Romana.

Mirabella nell'alto medioevo

Fu cittá di sosta e di mercato sulla via Appia, ricca di opere pubbliche e monumenti. Con l'affermarsi del cristianesimo fu sede episcopale ed ebbe nel suo vescovo Giuliano un fiero oppositore di S. Agostino. Con l´avvento dei Longobardi, Eclano fu compresa nel Ducato di Benevento e definitivamente distrutta dall´esercito greco di Costante II nel 663. Nei secoli X-XI il centro si spostó sull´attuale collina di Mirabella.

Gli scavi dell'antica Aeclanum

Ad oggi sono visitabili i resti archeologici dell´antica Aeclanum, e i resti dell´arcata del ponte romano e del ponte medioevale sul fiume calore in localitá Ponte Rotto. Di notevole interesse, nel centro storico, i numerosi palazzi e le antiche chiese.

La tirata del carro

Un imperdibile evento è sicuramente la tirata del carro. Nato come rito propiziatorio offerto alla Dea Pale, nel tempo si è trasformato da rito pagano a evento religioso. Ora sulla sommitá del carro alto circa venticinque metri, troneggia la statua della Madonna Addolorata, a difesa della popolazione mirabellana.

Il carro

L´enorme obelisco è intrecciato con paglia e trainato per le vie del paese. La manifestazione che coinvolge tutta la cittadinanza è un´attrazione anche per fedeli e curiosi della provincia che puntualmente, il terzo sabato di Settembre di ogni anno, partecipano al caratteristico evento.